bordo
top
  • Home >>
  • Testimonianze
sep

Perché diventare una Mamma Donatrice?

I bambini prematuri lottano ogni giorno contro mille difficoltà: infezioni e gravi complicanze che possono compromettere le loro possibilità di farcela. La scienza dimostra che il latte umano aumenta le possibilità di sopravvivenza dei neonati prematuri e ne favorisce l'accrescimento e lo sviluppo. Per avere latte materno serve una mamma, ma spesso quelle dei bimbi prematuri di latte non ne hanno o ne hanno troppo poco.
Quello che tu produci in eccesso a tuo figlio non serve, se invece lo doni aiuti un altro bambino.

sep

La mamma di Federico,
una mamma che dona il suo latte.

"E' una bella sensazione sapere di poter aiutare gli altri. Vorrei fare un appello che stanno bene, hanno bimbi sani, e tanto latte: aiutate altre mamme e donate, perché è una cosa molto utile per i bimbi nati prematuramente".

sep

La mamma di Gabriel,
ospitato nella Terapia Intensiva Neonatale
del Policlinico di Sant'Orsola

"La nascita della Banca del Latte Donato per me è un miracolo. E' importante che sia nato e che ci sia, perché per i bimbi, tutti, il latte materno è fondamentale, tanto più per questi bimbi [prematuri], che hanno bisogno di crearsi le difese immunitarie che non hanno alla nascita... Per loro è vitale. Questi bimbi hanno un grandissimo bisogno di latte materno. Se non della propria madre, comunque donato da una mamma".

sep

La mamma di Anita,
ospitata nella Terapia Intensiva Neonatale
del Policlinico di Sant'Orsola

"Credo che questa iniziativa sia molto bella. Io, mamma di un bambino nato prematuramente, non ho latte. Stress e paura, per questi bambini, fanno sì che alla mamma, il latte venga meno.
Per me è importante che lei abbia latte materno anche se non il mio... Potrà ricevere tutte le proprietà di un latte materno, anche se di un'altra mamma".

sep

La mamma di Maya,
ospitata nella Terapia Intensiva Neonatale
del Policlinico di Sant'Orsola

"E' un'iniziativa straordinaria, perché il latte materno è sorgente di vita e che porta la vita... Ho trascorso qui in Terapia Intensiva Neonatale 4 mesi e mezzo con Maya, che ha sempre combattuto e ce l'ha fatta. Ma so che il latte materno, che io non avevo, l'avrebbe aiutata molto".

sep